Il fattore determinante del successo della piccola impresa di origine artigianale, è stato l’internalizzazione del processo produttivo e creativo in un ambiente organizzato con competenze e cultura che predisponevano al cambiamento e alle novità, sviluppando grandi conoscenze tecniche e creative. Trenta anni dedicati al settore hanno permesso di decodificare e comprendere ciò che indirettamente è stato suggerito, cioè il bisogno di avere a disposizione un prodotto che aiuti ad affrontare le sfide di un mercato in evoluzione per cambiamento di stili di vita. Da qui l’idea di avviare una nuova iniziativa imprenditoriale e dare vita al processo di internazionalizzazione di un prodotto innovativo e ad alta qualificazione stilistica, utilizzando e valorizzando le esperienze professionali ed il know-how maturato. Pianificando una buona strategia di marketing, cercando di conoscere al meglio se stessi ed il mercato di riferimento. Predisponendo proposte di valore competitivo che sono le armi utilizzate dall’azione della direzione vendite. Progettando collezioni che riescano ad essere competitive nel rapporto qualità/prezzo. Creando un prodotto d’avanguardia, dando inizio a una tendenza piuttosto che a seguirla.

Anticipando le attese ed i bisogni dei consumatori. Identificandosi fortemente nel marchio Made in Italy, curando qualità ed unicità, che sono le caratteristiche principe degli abiti ATELIER MORE’

Concludendo:

Qualità comprovata sia nella scelta dei materiali, dei tagli e delle finiture
Flessibilità di prodotto, sia in taglia che su misura, focalizzando costantemente l’attenzione sulle esigenze del cliente.
Tempestività nelle consegne, sopratutto nei riassortimenti (anche del singolo abito).
Considerando che questi ultimi 3 sono i principali punti di debolezza per coloro che hanno delocalizzato all’estero la produzione, sono invece per ATELIER MORE’ i principali punti di forza.

Vuoi lavorare con noi? DIVENTA NOSTRO PARTNER

Diventa rivenditore

  • Letta l’informativa ex art. 13, D.Lgs. n. 196/2003 e, preso atto che per dar corso ad una mia richiesta di prenotare un appuntamento non è necessario fornire il consenso, ai sensi dell’art. 24, lett. b) della citata normativa,